Guerre di indipendenza italiane (1848-1870) – Garbaldini all’attacco!

Lo scorso week end Maurizio e Franco B. hanno giocato una partita del nostro torneo interno di “Garibaldini all’attacco!”. Il gioco, scritto dal nostro socio Paolo Montinaro, pubblicato dalla Chillemi Edizioni, è un set di regole adatto per le guerre di Indipendenza italiane

La partita è stata combattutissima anche se il punteggio per il campionato è semplice: 1 pto per ogni unità nemica distrutta, 2 pti per il giocatore che controlla il centro dello scenario a fine partita.

Le miniature sono tutte in 28mm e sono dipinte rispettivamente: i Cacciatori delle Alpi da Franco B. ed i “papalini” da Alberto M. e Franco B.

Prima della battaglia due veloci cenni storici sulle truppe in campo

L’esercito del Pontefice combatté durante la prima guerra di indipendenza italiana al comando del Generale Giovanni Durando. Allo scoppio della guerra il Papa inviò una divisione in sopporto ai Piemontesi ma dopo alcune settimane cambiò idea richiamando il Generale. Durando decise di disobbedire al Papa anche se la sua partecipazione alla guerra fu marginale. La sua divisione, infatti, si ritirò da Treviso in disordine dopo un unico scontro con gli Austriaci.

A differenza del Generale papalino i Cacciatori delle Alpi di Garibaldi dimostrarono tutto il loro ardore durante la seconda guerra di indipendenza vincendo molte battaglie.

 Maurizio tooks the control of Pope’s army while Franco had the Cacciatori

Dopo l’iniziale schieramento i Cacciatori prendono subito il controllo della collina mentre i soldati di Maurizio si muovono in colonna d’assalto verso il nemico.

Le rimanenti forze di entrambe gli eserciti arrivano in un secondo tempo sul campo

Franco decide di garantirsi l’obiettivo usando una unità d’elite: i bersaglieri

La battaglia entra subito sul vivo con i bersaglieri che vengono respinti mentre un’altra unità di papalini si prepara all’assalto

Nel frattempo i cacciatori si rafforzano continuando a mantenere il controllo dell’obiettivo.

Maurizio lancia buona parte del suo esercito contro l’obiettivo al centro del tavolo e le forze di Franco sono parzialmente respinte in dietro  

Il combattimento si fa duro e i cacciatori iniziano a subire le prime perdite

Franco decide di conservare una parte delle sue forze per mantenere l’obiettivo mentre Maurizio cerca di spingere una delle sue unità sul fianco, nella speranza di creare un varco nello schieramento di Franco

In questo modo, però, i bersaglieri riescono ad attaccare Maurizio eliminando una sua unità

Un dettaglio del fianco sinistro delle forze del Papa

La posizione dei vari reparti dopo il 9° turno di gioco

Il risultato finale è un pareggio. Due pti per Franco per aver conservato l’obiettivo a cui si aggiungono due pti per aver eliminato altrettante unità nemiche. Maurizio invece ottiene quattro pti per aver tolto dal gioco 4 reparti di Franco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: